Per arrivare a un’Italia Europea bisogna capire l’Italia di oggi

Dic 5, 2018

di Andrea Mazziotti

 

Il mani­fe­sto per un Italia Euro­pea afferma, giusta­mente, che “non si tratta di conser­vare il passato ma di realiz­zare le sue speranze”.

Per fare questo, però, occorre prima capire quali fossero queste speranze, e poi inter­ro­garsi sul perché in molti le hanno perse. E hanno votato per gli altri.

Io credo che le speranze del passato non siano molto cambiate. Qual­siasi italiano (a dir la verità qual­siasi elet­tore di qual­siasi paese) chiede alla poli­tica essen­zial­mente tre cose: dammi lavoro e benes­sere oggi senza togliermi la ricchezza che ho messo da parte ieri; dai ai miei figli un futuro, se possi­bile migliore del mio; proteg­gimi e tienimi al sicuro.

Negli ultimi anni dieci anni, sui primi due aspetti, il sistema è andato in crisi: sono aumen­tate le disu­gua­glianze, si è fermato il reddito reale, è aumen­tato il preca­riato, il futuro dei giovani è diven­tato incerto. Sulla sicu­rezza, la pessima gestione interna del feno­meno migra­to­rio ha fatto sentire molti italiani meno sicuri. A torto, perché le stati­sti­che di tutti i reati sono dimi­nuite, ma con qual­che ragione riguardo alla perce­zione, perché in molte città il degrado e la cattiva gestione sono evidenti.

Per inver­tire, e non solo sfidare, la corrente, dobbiamo rove­sciare questi senti­menti. E non possiamo illu­derci di farlo dicendo agli elet­tori che le loro preoc­cu­pa­zioni sono sbagliate e che in realtà va tutto bene e con l’innovazione andrà anche meglio. Ci ha già provato Renzi e sappiamo come è andata.

Dobbiamo prestare atten­zione a paure e preoc­cu­pa­zioni, studiare solu­zioni, dimo­strare che ci poniamo le stesse domande degli “amici del popolo”, ma che propo­niamo rispo­ste diverse e migliori. E soprat­tutto dobbiamo andare dai citta­dini a spie­garle.

+Europa dovrà essere un movi­mento infles­si­bile sui prin­cipi della libertà, della demo­cra­zia e dello stato di diritto, lontano da qual­siasi tenta­zione popu­li­sta, ma dovrà anche essere prag­ma­tica, aperta, attenta alle nuove istanze, non arroc­cata su posi­zioni ideo­lo­gi­che. Qual­siasi propo­sta di poli­tica econo­mica libe­rale, per essere accet­tata in Italia, dovrà essere accom­pa­gnata da misure che consen­tano di gestire la tran­si­zione. Servono passaggi graduali, reti di prote­zione sociale, welfare. Per restare su un tema a me caro: soste­ni­bi­lità delle misure. Altri­menti non riusci­remo a trasfor­mare e inno­vare il paese, sempli­ce­mente perché conti­nue­remo a perdere le elezioni.

Saper perdere senza rasse­gnarci, mante­nendo l’entusiasmo, sarà comun­que essen­ziale. Dobbiamo essere prepa­rati a una lunga batta­glia di oppo­si­zione e armarci di corag­gio e pazienza. Doti che, fortu­na­ta­mente, i soste­ni­tori di +Europa stanno già dimo­strando.

Sarà una batta­glia dura, contro avver­sari cinici, brutali, senza scru­poli, etero­di­retti. E mandarli a casa non è l’obiettivo prin­ci­pale: è l’unico obiet­tivo.

Per questo, +Europa deve essere pronta ad affron­tare con reali­smo il mondo esterno e la situa­zione poli­tica. Deve confron­tarsi, in nome dell’obiettivo comune, con chiun­que abbia in mente un’Italia aperta, euro­pea, rifor­mi­sta e non rivolta al passato. Senza troppi distin­guo. Tutto lo scena­rio poli­tico è in movi­mento, e noi potremmo essere chia­mati a fare scelte non banali, anche in termini di alleanze elet­to­rali. Siamo in un’epoca di propor­zio­nale, e rinchiu­dersi non avrebbe senso. Biso­gna valu­tare e poi deci­dere senza pregiu­dizi, pensando a ciò che è più utile per il paese. Per raggiun­gere l’obiettivo.

Questo non signi­fica che +Europa debba rinun­ciare alla propria iden­tità speci­fica. Ben venga il confronto con altre realtà e movi­menti, purché non ci faccia dimen­ti­care chi siamo. E allora: sì all’ecologia e allo sviluppo soste­ni­bile, no all’ambientalismo pregiu­di­zial­mente anti-indu­striale; sì alle poli­ti­che di inve­sti­mento, no alle nostal­gie di spesa corrente a go go da prima repub­blica; sì a uno Stato che cura e rego­la­menta le dina­mi­che econo­mi­che, no allo Stato impren­di­tore. Insomma, acco­gliere gli altri, ma restando noi stessi.

Un’ultima consi­de­ra­zione: spero che il congresso certi­fi­chi il supe­ra­mento delle correnti di origine; sogno liste che tengano insieme persone prove­nienti dai tre soggetti costi­tuenti. E soprat­tutto sogno un congresso che si concluda con un risul­tato chiaro, che consenta a +Europa di spic­care il volo con deci­sione, senza vincoli esterni, senza veti.

Perché è questo il movi­mento di cui ha biso­gno l’Italia per poter diven­tare euro­pea.

 

Ti è piaciuto? Condividilo agli amici:
Redazione
Siamo un gruppo di attivisti di +Europa, che intende partecipare al primo congresso del nuovo partito in programma il prossimo gennaio 2019, con tre obiettivi concreti: Superare le divisioni, aprire +E a nuove idee, fare un'Italia riformatrice, liberale e progressista

Il nostro documento programmatico

Cosa ci proponiamo di fare

  • 1

    Aprire +Europa a nuove idee

    Per un nuovo centro politico della società aperta e dell’Italia europea.

  • 2

    Superare le tre associazioni

    Per uno strumento di nuova o rinnovata partecipazione politica per tanti cittadini

  • 3

    Riformatrice, liberale e progressista

    Collaborando con altre forze politiche europee

Ecco altre idee per una Italia Europea:

+CRESCITA

Avere il coraggio delle proprie opinioni. Essere innovativi e schietti. Riflessioni per il futuro di Più Europa

Redazione
+SOSTENIBILITÀ | IDEE

Voglio un’Italia leader in Europa sui temi ambientali

IDEE

Niente steccati, né nuovismo: +Europa scelga al congresso la sua linea politica

+INNOVAZIONE

La via del progresso

+SAPERE

Il presupposto della Libertà

+CRESCITA | +LAVORO | Editoriali | IDEE

L’Europa inizia in Italia. Più Europa sia forza di governo per la crescita e il lavoro

+SAPERE

Scuola. Per una società civile europea

+SAPERE | IDEE

È la scuola l’investimento cruciale per l’Italia europea

Editoriali | IDEE

Il centro liberale, progressista e radicale: la mia idea per il futuro di +Europa

+UNIONE | IDEE

Solo innovando si può sfidare la corrente

IDEE

Dirompenti e innovativi: l’unica alternativa che abbiamo

+CRESCITA

Merito e Libertà. Studio e Fatica

+LAVORO | Senza categoria

Le imprese

IDEE

Commento alla proposta “Per una Italia Europea”

+EFFICIENZA | IDEE

Ripartire dalle inefficienze che hanno generato risentimento

+CRESCITA | Senza categoria

Europa, oltre il piano 2021 — 2027 più integrazione, più coesione, più crescita

+UNIONE | IDEE

Da Einaudi a Ropke, fino a Macron: il liberalismo riformista è padre dell’Europa

+CRESCITA | IDEE

Adeguare la democrazia al funzionamento dei mercati: il nuovo compito dei liberali con Più Europa

+UNIONE | IDEE

Non gli Stati, ma i cittadini costruiscono l’Europa unita. A questo serve +Europa

+DIRITTI

Se vuole diventare grande, Più Europa inizi dai comuni

+INNOVAZIONE | +LAVORO | +SOSTENIBILITÀ

Sviluppo sostenibile, innovazione, lavoro e legalità per un’Italia Europea

+LAVORO

Un vero intervento straordinario per un Mezzogiorno europeo, giovane e forte

+EQUITÀ

Per un welfare universale, liberale ed europeo

+EQUITÀ | +LAVORO

Lavoro 4.0: verso un futuro in remoto

IDEE

Dove ciascuno abbia diritto alla propria felicità

+UNIONE

Per il sogno europeo

+EQUITÀ | +SAPERE | IDEE

FEMMINILE PLURALE: politiche condivise di crescita

+SOSTENIBILITÀ | IDEE

Italia Europea: 3 proposte per l’Italia che verrà

+LAVORO | IDEE

Più Europa e la sfida del lavoro: dobbiamo costruire il partito del fare

Manifesto

Quando parliamo di Europa e di “più Europa”, noi parliamo di Italia.

+UNIONE

Una Europa Unica ed Indivisibile per un nuovo Rinascimento Italiano

+DIRITTI

Riemergere dal baratro

+UNIONE

Italiani all’estero, prove tecniche di cittadinanza europea.

+SOSTENIBILITÀ

Cambiare Prospettiva, per cambiare la Politica

+SAPERE

Conoscenza e consapevolezza: formare i Cittadini d’Europa

+CRESCITA | IDEE

Un accordo UE-Africa, per aiutarli davvero e non lasciarli nelle mani dell’impero cinese

+INNOVAZIONE

Per una +Europa pragmatica

+EQUITÀ | +SOSTENIBILITÀ

Pensioni, ci stiamo per schiantare? Verso un nuovo modello previdenziale.

+LAVORO | +SAPERE | IDEE

Lavoro, studio, salute: i pilastri su cui costruire l’Italia europea

+UNIONE | IDEE

Un pianeta liberale, non un asteroide

+UNIONE | IDEE

Per un’Europa federale, e per un’Italia Europea bisogna anche sporcarsi le mani. Prendiamo esempio da chi l’Europa l’ha creata

+EQUITÀ | +SAPERE | IDEE

Combattere il sonno della ragione: perché non possono esistere libertà e ricchezza senza razionalità.

+EFFICIENZA

Il voto online, l’innovazione statutaria che proporremo a congresso

Manifesto

Manifesto

+UNIONE

Di quale Europa abbiamo bisogno? Degli Stati Uniti d’Europa

+EFFICIENZA | IDEE

Riformare la PA è un fattore di crescita imprescindibile. Riflettere sul ruolo dello Stato nella realizzazione di uno sviluppo socio economico sostenibile una necessità.

Scuola. Per una società civile europea

di Fabrizio Bercelli Riorganizzare la didattica scolastica con lo scopo che ...
Leggi di +

Per una +Europa pragmatica

di Marco Durastante Con l’avvicinarsi del congresso di gennaio si ...
Leggi di +

La via del progresso

di Nico di Florio Il 10 dicembre a Stoccolma è ...
Leggi di +

Una Europa Unica ed Indivisibile per un nuovo Rinascimento Italiano

di Stefano Martinazzoli Essere contro uno stato unico e plenipotenziario ...
Leggi di +
innovazione

Solo innovando si può sfidare la corrente

di Alessandro Chelo Tutti gli indici economici raccontano l’inefficacia dell’azione ...
Leggi di +

Lavoro, studio, salute: i pilastri su cui costruire l’Italia europea

di Monica Pradelli La mia idea di Italia Europea è ...
Leggi di +

Per un welfare universale, liberale ed europeo

di Alessandro Pecoraro Le maggior parte delle forze politiche italiane ...
Leggi di +

Niente steccati, né nuovismo: +Europa scelga al congresso la sua linea politica

di Nicola Ghisalberti Personalmente, quando ho letto della nascita della ...
Leggi di +

Conoscenza e consapevolezza: formare i Cittadini d’Europa

di Marco Muro Pes L’Europa è un piccolo grande concentrato ...
Leggi di +

Più Europa e la sfida del lavoro: dobbiamo costruire il partito del fare

di Vincenzo Giannico In Italia non c’è più nessuno che ...
Leggi di +

Voglio un’Italia leader in Europa sui temi ambientali

di Giacomo Santoro Per un'Italia che sia leader in Europa ...
Leggi di +

Dove ciascuno abbia diritto alla propria felicità

di Diana Severati Un'Italia Europea è un posto migliore in ...
Leggi di +

Italiani all’estero, prove tecniche di cittadinanza europea.

di Benedetta Dentamaro C’è un’Italia che vive all’estero: 5.1 milioni ...
Leggi di +

Manifesto

“Non si tratta di conservare il passato, ma di realizzare ...
Leggi di +

Commento alla proposta “Per una Italia Europea”

di Marco Marazzi Ci sono varie cose che mi piacciono ...
Leggi di +

Il presupposto della Libertà

di Antonio Lorenzo Sartori Concepire la libertà come condizione di ...
Leggi di +

Per il sogno europeo

di Leonardo Masucci Unita nella diversità. E' il motto dell'Unione ...
Leggi di +

Ripartire dalle inefficienze che hanno generato risentimento

di Damien Hellier Ripartire dalle piccole inefficienze per porre soluzione ...
Leggi di +

Italia Europea: 3 proposte per l’Italia che verrà

di Luca Maglione e Leonardo Veneziani È inutile girarci intorno, ...
Leggi di +

FEMMINILE PLURALE: politiche condivise di crescita

di Ilaria Botti   Ci sono questioni che apparentemente sembrano ...
Leggi di +

Il voto online, l’innovazione statutaria che proporremo a congresso

di Italia Europea Al congresso di Milano, la lista Italia ...
Leggi di +

Europa, oltre il piano 2021 — 2027 più integrazione, più coesione, più crescita

di Gerardo Benuzzi • Sussidio europeo di disoccupazione• Più risorse ...
Leggi di +

Di quale Europa abbiamo bisogno? Degli Stati Uniti d’Europa

di Monica Pradelli Ormai dicono tutti che vogliono restare in ...
Leggi di +

Dirompenti e innovativi: l’unica alternativa che abbiamo

di Benedetto Costa Broccardi Ho votato Più Europa senza dubbi ...
Leggi di +

Merito e Libertà. Studio e Fatica

di Gerardo Santoli In giro per l' Italia, tra le ...
Leggi di +

Le imprese

di Chiara Bastianelli Grazie al mio lavoro ho potuto toccare ...
Leggi di +

È la scuola l’investimento cruciale per l’Italia europea

di Riccardo Varveri  La recente campagna elettorale ha discusso di temi ...
Leggi di +

Se vuole diventare grande, Più Europa inizi dai comuni

di Mattia di Berti Il nuovo anno è ormai alle ...
Leggi di +

Non gli Stati, ma i cittadini costruiscono l’Europa unita. A questo serve +Europa

di Glauco Camporini Premettiamo che fin dai tempi degli antichi ...
Leggi di +

Riemergere dal baratro

di Andrea Scarel Noi non siamo sull'orlo del baratro; noi, ...
Leggi di +

Da Einaudi a Ropke, fino a Macron: il liberalismo riformista è padre dell’Europa

di Teofilo Claudio Goldin L’Italia è Europa. La sua geografia ...
Leggi di +

Cambiare Prospettiva, per cambiare la Politica

di Benedetto Costa Broccardi Leggo molto in questi giorni: discussioni, ...
Leggi di +

Un pianeta liberale, non un asteroide

di Francesca Mercanti Da troppo tempo ormai la galassia liberale e ...
Leggi di +

Quando parliamo di Europa e di “più Europa”, noi parliamo di Italia.

DOCUMENTO PROGRAMMATICO CONGRESSUALE DELLA LISTA PER UNA ITALIA EUROPEA Premessa ...
Leggi di +

Lavoro 4.0: verso un futuro in remoto

di Alessandra Senatore Il lavoro, malgrado si configuri più come ...
Leggi di +

Il centro liberale, progressista e radicale: la mia idea per il futuro di +Europa

di Piercamillo Falasca “Italia europea”. Il nome scelto per questa ...
Leggi di +

Pensioni, ci stiamo per schiantare? Verso un nuovo modello previdenziale.

di Domenico Campeglia Nel 1974, secondo l’Istat, la spesa pensionistica ...
Leggi di +